LA SCUOLA AI TEMPI DEL COVID

 

È davvero una situazione particolare quella che stiamo vivendo a causa del virus che in un attimo ha cambiato le nostre vite e le nostre abitudini.

La scuola non si è fermata e grazie alle video lezioni abbiamo potuto continuare a lavorare con i nostri ragazzi e a garantire non solo la continuità scolastica, ma soprattutto il legame unico che unisce la scuola e i ragazzi.

Sono tanti i dubbi che spesso ci colgono e per aiutarvi abbiamo preparato questa sezione di domande frequenti che aggiorneremo di volta in volta in base alle novità che arriveranno per tenervi sempre informati.

 

  • Le lezioni si tengono tutti i giorni? 

Sì, si tengono tutti i giorni per i terzi e quarti anni che devono prepararsi agli esami, mentre gli allievi delle prime e delle seconde, hanno un calendario più leggero nelle video-lezioni, ma non meno impegnativo per quanto riguarda i compiti e i lavori in autonomia. Questo è dovuto al fatto che sono più piccoli e quindi per ora fanno un po’ più fatica a sostenere più ore di lezione attraverso un dispositivo. Nell’organizzazione del calendario delle lezioni abbiamo infatti voluto tenere conto della peculiarità delle video-lezioni e di come queste richiedano approcci diversi in base all’età e alle competenze dei ragazzi.

 

  • Come si tengono le lezioni? 

Le lezioni vengono attivate attraverso la piattaforma Google MEET, che è una applicazione che ben si adatta a questo tipo di lavoro.

L'insegnante apre la connessione ed è come se aprisse la porta virtuale dell'aula. Gli allievi puntualmente accedono attraverso una CODICE a loro riservato, onde evitare intrusi che disturbano, e quindi entrano nella loro classe virtuale. 

L'insegnante fa partire la registrazione della lezione al fine di monitorare e controllare quanto succede e procede con l'appello. 

La video-lezione viene realizzata attraverso un dialogo costante tra insegnante e allievo che interviene autonomamente o dietro richiesta dell'insegnante stesso, accendendo il proprio microfono che altrimenti rimane spento per non interferire con la lezione. 

Si tratta di lezioni molto silenziose, dove il problema delle chiacchere e del disturbo non esiste più.  

L'insegnante proietta eventuali video o slide oppure scrive sulla lavagna virtuale e tutti gli allievi vedono e ascoltano dalla propria cameretta.  

 

  • E se non ho il computer? 

A scuola abbiamo in dotazione numerosi Tablet del tipo Apple IPAD che i ragazzi già utilizzavano prima e che, a richiesta del genitore, concediamo in comodato d'uso gratuito alle famiglie. Mettiamo anche a disposizione alcune SIM dati per chi è in difficoltà con la connettività internet.

 

  • Ho delle insufficienze. Posso recuperarle? E come?

Tutte le insufficienze si possono recuperare concordando i tempi e le modalità con i formatori, che sono sempre disponibili e contenti nell'accogliere tali richieste.

 

  • Come facciamo per le attività pratiche in laboratorio?

Purtroppo la parte più caratteristica e più bella della formazione professionale, cioè il laboratorio, è stata resa impossibile.
I formatori di laboratorio hanno continuato e continuano a " far vedere come si lavora " su un tornio, a bordo di una macchina a CNC, a mettere in fase un motore, a cambiare le gomme dell'automezzo, o a fare manutenzioni nell'officina rurale. Però un conto è vedere e un conto è fare, solo così si mette in moto " l'Intelligenza delle mani ", vera promotrice di apprendimento, di autostima e crescita personale e professionale.

Ma tutto questo è solo rimandato.

 

  • Come si svolgono gli esami?

Gli esami si svolgono a scuola e partono il 15 giugno.

Trovate il calendario su classroom, con 

  • la data e l’ora in cui sosterrete il colloquio 
  • il laboratorio dove andare.

Si seguirà l’ordine alfabetico. 

È bene arrivare mezz’ora prima dell’orario indicato e vestiti bene: l’abito in questo caso è il vostro biglietto da visita e un messaggio chiaro che date al Presidente.

 Al termine del colloquio non dovete fermarvi a scuola, ma rientrate a casa.

 

  • Che cosa devo portare all’esame?

All’esame dovete portare:

  • la carta di identità
  • il libretto delle giustifiche vecchio
  • il registro stage firmato dall’azienda e da voi compilato in tutte le parti. 

     

  • Quali norme di sicurezza bisogna rispettare?

Mantenete le distanze di sicurezza nei corridoi, nelle classi e nei cortili.

Indossate sempre la mascherina chirurgica

Osservate l’igiene personale e delle mani.

A scuola troverete a vostra disposizione il gel igienizzate.

Prima di accedere nei locali della scuola vi verrà misurata la temperatura.

Usate i bagni solo se necessari, lavatevi bene le mani col sapone prima e dopo l’uso.

Sono semplici regole che però tutela la salute e la sicurezza di tutti noi.

 

  • Cosa faccio se ho avuto la febbre o un parente in quarantena?

Se in questi 15 giorni:

  • avete avuto la febbre
  • siete stati in contatto con una persona positiva al covid o in quarantena

non dovete venire a scuola, ma l’esame si terrà a distanza.

 

  • Dove trovo i voti dei miei esami?

Ad esami finiti vi manderemo un sms con l’esito dell’esame (idoneo o non idoneo) e tramite mail  anche l’autocertificazione relativa che sostituisce l’attestato in via provvisoria. 

 

  • Cosa faccio con il tablet e il computer della scuola?

I tablet o i computer della scuola vanno riconsegnati 

  • il giorno degli esami 
  • per chi non ha gli esami in altra data, previo appuntamento con la segreteria.

     

  • Dove trovo i voti di fine anno del primo e del secondo anno?

Gli esiti degli scrutini non verranno esposti a scuola, dobbiamo evitare gli assembramenti.

Le pagelle vi verranno mandate per email (sull’email dell’Allievo per intenderci quella con dominio piamarta.it). I genitori vengono avvisati tramite un messaggino SMS nei giorni di Lunedì 15 e Martedì 16 giugno.

Per favore non telefonate a scuola per sapere come è andata, perché la segreteria non può dare queste informazioni al telefono.

La pagella è simile a quella che avete già ricevuto precedentemente, in più accanto ai voti delle discipline e dei comportamenti vi sarà il punteggio finale, espresso in centesimi, e l’esito “AMMESSO” o “NON AMMESSO”, e poi gli eventuali DEBITI FORMATIVI.

Vi posso assicurare che stiamo tenendo conto senz’altro  della difficoltà a seguire le videolezioni, non è stato come essere a contatto fisico, guardare negli occhi i ragazzi, averli vicini e sorvegliarli e seguirli ora per ora. Nel valutare gli allievi ne terremo conto. State tranquilli.

Complessivamente vi devo dire che i nostri ragazzi sono stati fin troppo  bravi. Per un adolescente stare chiuso in casa per tre mesi non è stata cosa semplice.

 

  • Cosa faccio se ho il debito?

Non ci sarà il recupero debiti ai primi di settembre, ma sarà fatto dopo l’inizio delle lezioni con l’insegnante della materia interessata.

Il debito può essere così recuperato, o meglio ripagato. Qualora non venisse recuperato rimarrà l’insufficienza che pesa negativamente sul voto complessivo e questo, come sapete, farà media per l’ammissione all’ esame finale del terzo anno per l’ottenimento della qualifica.

Il programma del debito così come gli esercizi da fare verranno comunicati tramite classroom dal vostro insegnante.

Il debito non va visto come una punizione, ma come una opportunità, l’opportunità di riprendere in mano delle conoscenze che non sono state ancora assimilate.